sabato 17 novembre 2018

Non passerà questa generazione prima che tutto questo avvenga


«In quel tempo, sorgerà Michele, il gran principe, che vigila sui figli del tuo popolo. … Molti di quelli che dormono nella regione della polvere si risveglieranno: gli uni alla vita eterna e gli altri alla vergogna e per l’infamia eterna.» (Dn 12,1-3)

«Cristo, invece, avendo offerto un solo sacrificio per i peccati, si è assiso per sempre alla destra di Dio, aspettando ormai che i suoi nemici vengano posti a sgabello dei suoi piedi.» (Eb 10,11-14.18)

«In quei giorni, dopo quella tribolazione, il sole si oscurerà, la luna non darà più la sua luce, le stelle cadranno dal cielo e le potenze che sono nei cieli saranno sconvolte. Allora vedranno il Figlio dell’uomo venire sulle nubi con grande potenza e gloria.» (Mc 13,24-32)

Con la trentatreesima domenica si conclude il Tempo Ordinario (domenica prossima, con la solennità di Cristo Re, si concluderà l’anno liturgico), per questo motivo oggi la Parola ci presenta “le cose ultime” e la Speranza finale.
Là dove una certa “letteratura” e filmografia vedono soltanto catastrofe (la “fine del mondo”), infatti, il cristiano è chiamato a scorgere l’inizio della Vita Piena ed Eterna: la venuta finale del nostro Signore Gesù Cristo e la ricapitolazione della storia che confluisce nell’eternità. Un’eternità di gioia per coloro che hanno saputo attenderla e hanno vissuto tenendo costantemente lo sguardo su questo orizzonte; un’eternità di rovina (la “morte secunda” la chiamerebbe S. Francesco) per coloro che si sono lasciati rinchiudere negli stretti orizzonti del “mondo” ed hanno vissuto secondo la logica egoistica che il mondo insegna.
In quel tempo …”; “In quei giorni …”. Il tempo e i giorni cui si riferiscono la prima lettura e il Vangelo, sono quelli in cui l’iniquità ha raggiunto il suo culmine; umanamente parlando, non si scorge più speranza: la misura è colma, le “tenebre” sembrano averla vinta. Proprio al culmine dell’iniquità, però, quando sembrerebbe che tutto sia perduto, il cristiano sa che si manifesterà la Vittoria di Cristo: le “tenebre”, infatti, sono già sconfitte; il Signore Gesù Cristo ha già vinto il peccato, la morte e il mondo (II lettura). Ora si attende solo la manifestazione finale di questa vittoria.
In verità io vi dico: non passerà questa generazione prima che tutto questo avvenga. È forte la tentazione di riconoscere nei nostri giorni “quei giorni”, il culmine dell’iniquità: gli orrori che quotidianamente ci sono riportati dai telegiornali possono orientare in tal senso il nostro pensiero. Senza cadere in facili millenarismi, oggi Gesù nel Vangelo, con la parabola del fico, ci invita a sapere scorgere i “segni dei tempi”, a fare attenzione a non farci trovare impreparati all’arrivo dell’“estate”. La fine del nostro tempo in questo mondo, infatti, di cui nessuno conosce l’ora eccetto il Padre, coinciderà per noi con la fine del mondo. È oggi, quindi, in questo tempo, che siamo chiamati a scegliere con chi schierarci: se unirci al corteo trionfale di Cristo riconoscendo la sua Signoria e, quindi, obbedendo alla Sua volontà ; o schierarci con ciò che si oppone a Lui e procurarci, quando la vittoria di Cristo sarà manifesta, la rovina eterna. Con il Mistero Pasquale di Cristo sono iniziati gli “ultimi tempi” in cui celebriamo sempre “in attesa della Sua venuta” (vedi il Mistero della Fede). Gli eventi della vita, allora, diventano occasioni perché possiamo riconoscere l’imminenza della Sua venuta. Per questo è importante mantenere un clima di costante vigilanza; non a caso il Signore si rifiuta di rivelare il “quando”: per noi non è importante sapere il “quando”, ma è fondamentale mantenere desta la nostra attesa e il nostro desiderio perché, al momento dell’Incontro Finale, la nostra gioia sia piena.
Fr. Marco

sabato 10 novembre 2018

Il Signore non chiede tanto, chiede tutto!


«Quella andò e fece come aveva detto Elia; poi mangiarono lei, lui e la casa di lei per diversi giorni. La farina della giara non venne meno e l’orcio dell’olio non diminuì, secondo la parola che il Signore aveva pronunciato per mezzo di Elia.» (1Re 17,10-16)

«… Invece ora, una volta sola, nella pienezza dei tempi, egli è apparso per annullare il peccato mediante il sacrificio di se stesso.» (Eb 9,24-28)

«In verità io vi dico: questa vedova, così povera, ha gettato nel tesoro più di tutti gli altri. Tutti infatti hanno gettato parte del loro superfluo. Lei invece, nella sua miseria, vi ha gettato tutto quello che aveva, tutto quanto aveva per vivere». (Mc 12,38-44)

Domenica scorsa Gesù, rispondendo allo scriba che lo interrogava, ci ha indicato il primo e fondamentale comandamento: «Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima, con tutta la tua mente e con tutta la tua forza […] Amerai il tuo prossimo come te stesso». Questa domenica, trentaduesima del Tempo Ordinario, la Parola di Dio ci presenta un modello di applicazione del duplice comandamento dell’amore.
Nella prima lettura, infatti, ascoltiamo di una vedova poverissima che, in tempo di carestia, non rifiuta per amore di Dio di condividere con il Profeta il poco che ha. Si fida della parola di Dio annunciata da Elia: il Signore provvederà. Ecco che l’amore e la fiducia in Dio diventano concretamente amore del prossimo e capacità di condividere con lui il poco che si possiede.
Nel Vangelo è ancora una vedova che viene presentata dal Maestro come modello di comportamento. Una vedova capace di amare Dio con tutto se stessa: non tiene per sé il poco che possiede, ma dona tutto quanto aveva per vivere. Non importa se ciò che possiamo dare sia tanto o poco: il Signore non chiede tanto, chiede tutto! Ciò che conta è che doniamo con tutto il cuore, che doniamo con un amore pieno per Lui, che gli consegniamo tutta la nostra vita.
Quanto spesso, invece, noi ci comportiamo come i ricchi che donano parte del loro superfluo. Tratteniamo per noi, vogliamo “salvarci la vita” e ci guardiamo bene dal consegnarla al Signore. Per Dio abbiamo solo i ritagli di tempo, misuriamo il dono della nostra vita: « … fin qui, ma non oltre». Lui, Amore illimitato, accoglie ciò che noi vogliamo dargli, ma finché non gli consegneremo tutto, non potrà fare della nostra vita il capolavoro che vorrebbe.
«Guardatevi dagli scribi […] Essi riceveranno una condanna più severa». Oltre l’esempio positivo dell’amore totale della vedova e l’esempio negativo dell’amore parziale dei ricchi, quest’oggi il Vangelo, nella sua versione estesa, si apre con l’ammonizione di Gesù a guardarsi dall’ipocrisia di quanti, sotto un’apparenza religiosa, non amano per niente Dio, ma solo il proprio Io e usano per la propria gloria persino le cose sante. L’amore per Dio e l’amore per l’Io, infatti, si escludono a vicenda e se l’Io non viene messo al servizio di Dio, si finisce per mettere Dio al servizio dell’Io. Di loro dice Gesù che riceveranno una condanna più severa.
Sull’esempio della vedova del Vangelo, guardiamo, allora, Gesù che, sacrificando se stesso per redimerci dal peccato, tutto si è donato a noi e niente ha tenuto per sé e impariamo anche noi a donare a Dio “tutto quanto abbiamo per vivere”. Vedremo come il Signore sarà capace di moltiplicare il poco che noi gli consegniamo facendo delle nostre vite quel capolavoro per le quali le ha create. Il Signore ce lo conceda.
Fr. Marco

sabato 3 novembre 2018

Il Signore nostro Dio è l’unico Signore

«Temi il Signore, tuo Dio, osservando per tutti i giorni della tua vita, tu, il tuo figlio e il figlio del tuo figlio, tutte le sue leggi e tutti i suoi comandi che io ti do e così si prolunghino i tuoi giorni. … Ascolta, Israele: il Signore è il nostro Dio, unico è il Signore. Tu amerai il Signore, tuo Dio, con tutto il cuore, con tutta l’anima e con tutte le forze.» (Dt 6,2-6)

«Cristo invece, poiché resta per sempre, possiede un sacerdozio che non tramonta. Perciò può salvare perfettamente quelli che per mezzo di lui si avvicinano a Dio: egli infatti è sempre vivo per intercedere a loro favore.» (Eb 7,23-28)

«Il primo è: “Ascolta, Israele! Il Signore nostro Dio è l’unico Signore; amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima, con tutta la tua mente e con tutta la tua forza”. Il secondo è questo: “Amerai il tuo prossimo come te stesso”. Non c’è altro comandamento più grande di questi». (Mc 12,28-34)

In questa trentunesima domenica del Tempo Ordinario, la Parola di Dio ci presenta il fondamento di tutta la legge e i profeti: la relazione con Dio. Ascolta … Amerai …
Il primo e fondamentale comandamento, infatti, è vivere la relazione d’amore con l’unico Signore, l’unico vivo e vero, l’unico capace di salvarci, di donarci la Vita. Mi ha colpito, meditando questa Parola, la sottolineatura dell’unicità di Dio. Lui è l’unico Signore.
Quante volte mettiamo la nostra vita sotto altre “signorie”: il lavoro, il benessere, la casa … Non di rado, per queste realtà elevate ad idoli sacrifichiamo noi stessi e ciò che di più prezioso abbiamo (tempo, affetti …). Da questi idoli cerchiamo una Vita che però non possono darci. Più spesso ancora è il nostro Io a volersi ergere a signore: abbiamo la pretesa di essere signori della nostra vita, di decidere da soli ciò che è bene e ciò che è male. A volte vogliamo che anche i fratelli si pieghino alla nostra signoria: vogliamo comandare, sottomettere gli altri a noi. Nessuno, tuttavia, può darsi da solo la Vita che cerca («… chi di voi, per quanto si dia da fare, può aggiungere un'ora sola alla sua vita?» Mt 6,27).
Solo il Signore nostro Dio, Padre, Figlio e Spirito Santo, può darci la Vita. Ecco allora l’esigenza di vivere sotto la sua Signoria, di ascoltare e mettere in pratica i suoi comandamenti. Non da schiavi, però, ma da figli che si sanno amati dal Padre e che corrispondono a questo amore. Un amore “assoluto”, pieno, con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima, con tutta la tua mente e con tutta la tua forza, che non lascia spazio ad altri idoli, che detronizza il nostro Io.
Come è possibile però corrispondere all’immenso e gratuito amore di Dio? Un Amore che ci ha pensati e voluti dall’eternità, che ci ha chiamati all’esistenza, che ci ha salvati donando tutto se stesso sulla croce, che ogni giorno si consegna nelle nostre mani nell’Eucarestia … Nessuno può dare a Dio il corrispettivo per i suoi immensi doni. Ecco perché Gesù oggi aggiunge una seconda parte al comandamento dell’amore: “Amerai il tuo prossimo come te stesso”.
Solo amando i fratelli che il Signore mi mette accanto, amandoli come “un altro me stesso”, è possibile amare il Dio vivo e vero. Amando i fratelli che mi stanno accanto, infatti, amo il Padre che li ha pensati e creati per amore; amo il Figlio che li ha salvati dando se stesso per ciascuno di essi e ha voluto identificarsi con i più piccoli e fragili (« … l’avete fatto a me» Cfr. Mt 25,40); amo lo Spirito Santo che tutti ci pervade e ci rende un solo corpo (così preghiamo durante la liturgia eucaristica).
Se faremo così, attingeremo alla Sorgente della Vita, avremo una Vita che il  mondo non conosce e non può darci: vivremo la Vita dei risorti e non avremo più alcun timore. Il Signore ce lo conceda.
Fr. Marco

mercoledì 31 ottobre 2018

Vedete quale grande amore ci ha dato il Padre!


«Dopo queste cose vidi: ecco, una moltitudine immensa, che nessuno poteva contare, di ogni nazione, tribù, popolo e lingua. Tutti stavano in piedi davanti al trono e davanti all’Agnello, avvolti in vesti candide, e tenevano rami di palma nelle loro mani. E gridavano a gran voce: “La salvezza appartiene al nostro Dio, seduto sul trono, e all’Agnello”». (Ap 7,2-4.9-14)

​«Carissimi, vedete quale grande amore ci ha dato il Padre per essere chiamati figli di Dio, e lo siamo realmente! Per questo il mondo non ci conosce: perché non ha conosciuto lui.» (1Gv 3,1-3)

«Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia. Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli». (Mt 5,1-12)

Ogni anno l’1 novembre la Chiesa celebra tutti i santi, anche quelli anonimi e non canonizzati, e ci ricorda che tutti siamo chiamati alla santità.
Forse a volte pensiamo che essere santi significhi fare miracoli o avere il dono della bilocazione ecc.; queste, però, sono solo manifestazioni esterne che il Signore può concedere per il bene della Chiesa e che in se stesse non sono garanzia di santità. Essere santo significa principalmente e fondamentalmente vivere il proprio Battesimo cioè vivere la Fede, la Speranza e la Carità.
Vivere la Fede non significa credere che Dio esiste: questo lo credono anche i filosofi. Avere la Fede, dono dello Spirito, significa credere che Dio è il Padre che ci ama dall’eternità; che Gesù Cristo, Figlio eterno del Padre, si è fatto uomo ed è morto in croce per la nostra salvezza; che lo Spirito Santo, uno con il Padre e il Figlio, è stato effuso nei nostri cuori e ci guida alla Vita eterna. Avere fede significa fidarsi del Signore e riconoscere la Sua Signoria nella nostra vita.
La Speranza cristiana ha poco a che fare con la “speranza incerta” di chi “spera” di vincere il super enalotto. Come direbbe S. Francesco, la speranza cristiana è “Speranza Certa”: è la consapevolezza, fondata sulla fede che il Padre ci ha salvati e ci ha destinati alla Vita eterna. Come dice S. Giovanni nella seconda lettura di oggi: «noi fin d’ora sappiamo di essere Figli di Dio, ma ciò che saremo non è stato ancora rivelato …» La Carità, infine, ha poco a che fare con il superfluo che ogni tanto diamo in elemosina: è l’amore stesso di Dio che arde nei nostri cuori e che ci spinge ad Amare Dio e i fratelli più di noi stessi. È la capacità di amare gratuitamente, di donare amore anche quando non siamo contraccambiati.

Le Beatitudini che oggi il Vangelo ci presenta come progetto di vita per ogni cristiano, possono essere vissute solo accogliendo in noi la Fede, la Speranza e la Carità di Cristo (l’unico che vive pienamente le beatitudini). Potremo essere realmente “poveri in spirito”, quindi, perché sapremo che la nostra vita non dipende da ciò che possediamo, ma è nelle mani di un Padre che si prende cura di noi. Potremo essere misericordiosi perché avremo fatto esperienza della misericordia del Padre che nel suo Figlio ci ha liberati dai peccati … ecc.
Come si fa ad avere la Fede, la Speranza e la Carità? Bisogna forse impegnarsi? No! Non è questione di sforzo personale autocentrato. Ma di attenzione alla corrispondenza all’opera dello Spirito Santo in noi. Come ci insegna Papa Francesco, per essere santi è importante la docilità, lasciare operare Dio nella nostra vita, abbandonarsi a Lui. È Lui che ci ha conformati a sé e che ci ha donato Fede, Speranza e Carità come dono gratuito di Dio che ci è stato consegnato al momento del Battesimo: ogni battezzato, conformato a Cristo, ha in sé il seme della Fede che produce i frutti della Speranza e della Carità.
Questo dono però ci chiama alla responsabilità: se ci regalano una pianta che fa fiori meravigliosi, ma noi non la concimiamo, non la innaffiamo, non togliamo le erbacce e magari la teniamo al buio in un angolo nascosto della nostra casa, è forse colpa della pianta se non potrà fare fiori?
Così è della nostra Fede: il Padre ce la dona con il Suo Spirito al momento del Battesimo, sta a noi però coltivarla, nutrirla, purificarla. Il Padre ce ne dà pure l’occasione con i Sacramenti. Nutriamo allora la nostra Fede, procuriamo di farla crescere e senza nostro “sforzo” vedremo nascere nella nostra vita i frutti della Speranza e della Carità. Diventeremo così realmente ciò che siamo chiamati ad essere: santi che con la loro vita saranno capaci di testimoniare al mondo la Bellezza di Dio perché il mondo possa trasformarsi ogni giorno di più nel Regno di Dio. Il Signore ce lo conceda anche per l’intercessione dei suoi santi che contemplano già la Sua Gloria.

Auguri di santità. Fr. Marco​

sabato 27 ottobre 2018

Coraggio! Àlzati, ti chiama!

«“Il Signore ha salvato il suo popolo, il resto d’Israele”. Ecco, li riconduco dalla terra del settentrione e li raduno dalle estremità della terra; fra loro sono il  cieco e lo zoppo, la donna incinta e la partoriente: ritorneranno qui in gran folla.» (Ger 31,7-9)

«Cristo non attribuì a se stesso la gloria di sommo sacerdote, ma colui che gli disse: «Tu sei mio figlio, oggi ti ho generato», gliela conferì come è detto in un altro passo: “Tu sei sacerdote per sempre, secondo l’ordine di Melchìsedek”». (Eb 5,1-6)

«Gesù si fermò e disse: “Chiamatelo!”. Chiamarono il cieco, dicendogli: “Coraggio! Àlzati, ti chiama!”. Egli, gettato via il suo mantello, balzò in piedi e venne da Gesù.» (Mc 10,46-52)

Questa domenica, trentesima del tempo ordinario, la liturgia della Parola si apre con un messaggio di speranza: “Il Signore ha salvato il suo popolo, il resto d’Israele”. Oggi infatti Gesù ci viene presentato ancora una volta come il salvatore, colui che viene a cercare e salvare il cieco e lo zoppo, quanti sono ridotti a mendicare la vita. Il Salvatore viene a radunare tutta l’umanità per farla entrare nella pienezza della Vita.
Nel Vangelo, Gesù sta recandosi a Gerusalemme, la città santa simbolo della comunione con Dio, e attraversa Gerico, la città della resistenza a Dio (Cf. Gs 6,1-21), consegnata da Dio a Giosuè. Penso che si possa interpretare Gerico come la città dell’autoaffermazione contro Dio. Non è un caso se nella parabola “del buon samaritano” il tale incappato nei briganti sta scendendo da Gerusalemme a Gerico (Lc 10,25-37). Mentre Gesù sta uscendo dalla città, Bartimeo, cieco e ridotto a mendicare lungo la strada, lo riconosce e comincia a chiamarlo con il titolo messianico di Figlio di Davide.
Bartimeo è simbolo dell’umanità che, volendo affermare se stessa resistendo a Dio, si trova cieca, lontana dalla Luce della Vita, e mendicante. Tuttavia, nella sua cecità, quest’uomo riconosce in Gesù l’unico che può salvarlo, che può strapparlo dalla sua miseria e restituirgli la Luce che aveva perduto (« … che io veda di nuovo!»).
«Coraggio! Àlzati, ti chiama!» Se Bartimeo può riconoscere Gesù, però è perché per primo Gesù è venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto, come dirà Luca nel racconto di Zaccheo (Lc 19,1-10). All’uomo nella miseria Gesù chiede di farsi coraggio e, lasciando le proprie misere sicurezze (la coperta), rispondere alla chiamata per lasciarsi risollevare dalla propria condizione e vivere la vita dei risorti (alzarsi è il verbo della resurrezione)
«Che cosa vuoi che io faccia per te?» Ancora una volta Gesù si mostra come colui che non è venuto per farsi servire ma per servire con quel servizio regale che è proprio di Dio perché proprio dell’Amore. Con questa domanda, però, Gesù vuole anche che Bartimeo completi la sua “confessione di fede”: solo Dio, infatti, avrebbe potuto restituirgli la vista. Chiedere a Gesù di farlo tornare a vedere, equivale quindi a riconoscerlo Dio e manifestare fiducia in lui.
A questo punto, guarito, Bartimeo che ha incontrato la Luce vera che viene nel mondo (cf. Gv 1,9), non può che mettersi gioiosamente alla sequela.
Anche noi siamo invitati quest’oggi a fare lo stesso percorso: riconoscendoci bisognosi della misericordia del Padre, siamo chiamati a lasciare le nostre misere sicurezze a cui tanto facilmente attacchiamo il cuore, e fidandoci di Gesù, metterci alla Sua sequela e vivere la Vita dei Risorti. Il Signore ce lo conceda.
Fr. Marco

sabato 20 ottobre 2018

«Che cosa volete che io faccia per voi?»

«Quando offrirà se stesso in sacrificio di riparazione,vedrà una discendenza, vivrà a lungo,si compirà per mezzo suo la volontà del Signore.» (Is 53,10-11)

« … non abbiamo un sommo sacerdote che non sappia prendere parte alle nostre debolezze: egli stesso è stato messo alla prova in ogni cosa come noi, escluso il peccato. Accostiamoci dunque con piena fiducia al trono della grazia per ricevere misericordia e trovare grazia, così da essere aiutati al momento opportuno.» (Eb 4,14-16)

«Voi sapete che coloro i quali sono considerati i governanti delle nazioni dominano su di esse e i loro capi le opprimono. Tra voi però non è così; ma chi vuole diventare grande tra voi sarà vostro servitore, e chi vuole essere il primo tra voi sarà schiavo di tutti. Anche il Figlio dell’uomo infatti non è venuto per farsi servire, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti» (Mc 10,35-45)
La liturgia della Parola della XXIX domenica del Tempo Ordinario, ci rivela qualcosa del nostro Maestro, ci fa crescere nella conoscenza di Cristo, perché noi possiamo conformarci a Lui.
La prima lettura, tratta da libro del Profeta Isaia, ci fa ascoltare un passaggio fondamentale del Carme del Servo Sofferente: un uomo che accoglie in sé la volontà divina e si fa solidale con i peccatori assumendo su di sé la conseguenza del loro peccato. In conseguenza di ciò ottiene la salvezza per sé e per coloro che per i quali intercedeva (per le sue piaghe siamo stati guariti). È facile per noi vedere in quest’uomo una profezia di Cristo: è Lui il Servo che fa della Sua vita un offerta, che accoglie su di sé tutto il male del mondo inchiodandolo ad una croce perché a noi possa venire la Vita.

« … vogliamo che tu faccia per noi quello che ti chiederemo» Nel Vangelo, Gesù si sta dirigendo a Gerusalemme e istruisce i discepoli su quello che dovrà subire. In questo contesto si colloca la “vanagloriosa” richiesta di Giacomo e Giovanni: incapaci di comprendere ciò che Gesù sta annunciando, chiedono con forza al Maestro un posto di gloria. Davanti a tale richiesta, contrariamente agli altri dieci (forse altrettanto “vanagloriosi”), Gesù non si scandalizza, ma insegna ancora una volta prima con l’esempio e poi con la parola, che il Figlio dell’uomo non è venuto per farsi servire, ma per servire …: «Che cosa volete che io faccia per voi?». La risposta del Maestro è quella di chi, pienamente libero, si mette al servizio in maniera regale.
Il Maestro non resta scandalizzato dal desiderio di grandezza che emerge dal cuore dell’uomo, ma lo orienta correttamente: veramente grande non è chi siede per farsi servire, chi domina i fratelli soggiogandoli, chi viene apertamente ricoperto di onori; veramente grande è, invece, colui che si pone al servizio dei suoi fratelli, che ama gratuitamente, che è capace di accogliere e perdonare le miserie dei propri fratelli facendosi solidale con loro. Veramente grande, quindi, è colui che imita il Maestro il quale «non è venuto per farsi servire, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti». Un’offerta che ancora si perpetua nel sacramento dell’Eucarestia: Gesù si fa pane spezzato per noi e ci invita ad unire la nostra vita alla Sua nell’offerta per la salvezza del mondo.
La “grandezza” proposta secondo la logica del Vangelo è una grandezza che il mondo non può capire. Una grandezza ardua: ci chiede di morire a noi stessi, di anteporre al nostro Io l’amore per Dio e per fratelli. Per questo oggi l’autore della Lettera agli Ebrei viene a confortarci: il nostro Maestro conosce per le nostre debolezze e ci chiede solo di attingere alla Sua forza, alla Grazia che ci raggiunge nei sacramenti, per conformarci a Lui e giungere a quella gloria che da sempre ha preparato per noi.
Fr. Marco

venerdì 12 ottobre 2018

Gesù fissò lo sguardo su di lui, lo amò e gli disse … vieni! Seguimi!

«Pregai e mi fu elargita la prudenza, implorai e venne in me lo spirito di sapienza. La preferii a scettri e a troni, stimai un nulla la ricchezza al suo confronto» (Sap 7,7-11)

«Non vi è creatura che possa nascondersi davanti a Dio, ma tutto è nudo e scoperto agli occhi di colui al quale noi dobbiamo rendere conto.» (Eb 4,12-13)

«Mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro e, gettandosi in ginocchio davanti a lui, gli domandò: “Maestro buono, che cosa devo fare per avere in eredità la vita eterna?” … “Una cosa sola ti manca: va’, vendi quello che hai e dallo ai poveri, e avrai un tesoro in cielo; e vieni! Seguimi!”. Ma a queste parole egli si fece scuro in volto e se ne andò rattristato; possedeva infatti molti beni.» (Mc 10,17-30)

Avvicinandoci alla conclusione dell’anno liturgico, la parola di Dio della XXVIII Domenica del Tempo ordinario, comincia a indirizzare i nostri cuori verso le cose eterne che sole possono saziare la nostra “fame di vita”.
Protagonista della pericope evangelica di questa domenica, infatti, è un “Tale” che, pur possedendo molti beni, non è un uomo felice, realizzato. Dal racconto evangelico, infatti, veniamo a sapere che questo tale ha apparentemente tutto ciò che si potrebbe desiderare: abbondanza di beni materiali ed una vita “ricca di virtù” («queste cose le ho osservate fin dalla mia giovinezza»). Eppure sente che gli manca qualcosa: cerca la “Vita eterna”, quella Vita Piena che non avrà mai fine e che sa di dovere attendere come un dono (parla di “ereditare”).
Penso se non sia un caso se l’evangelista non dà un nome a questo “tale”: incarna le attese di ogni uomo la cui speranza ha bisogno di orizzonti ampi e non può ridursi al solo orizzonte materiale.
Quelle stesse attese che ispirarono l’autore sapienziale a implorare il dono della Sapienza (I lettura): una guida sicura nella vita che ci dia le giuste coordinate per Vivere veramente.

Al popolo di Israele questa sapienza viene donata sotto forma della Legge: le Dieci Parole destinate a guidare il comportamento del popolo eletto e a custodire l’Alleanza con Dio. È a questa sapienza che Gesù inizialmente rimanda il suo interlocutore. Il “Tale”, però, non è soddisfatto: sa di avere dinanzi il “Maestro Buono” capace di indicargli la via migliore.
«Gesù fissò lo sguardo su di lui, lo amò e gli disse …» È a questo punto che Gesù lo invita alla sequela nell’Amore, a “perdere” la vita abbandonando ogni sicurezza precedente, per vivere la Vita lasciandosi guidare dalla Luce della Fede, dalla fiducia nel Maestro Buono. La sapienza antica, infatti, pur non essendo mai stata abrogata, è adesso superata dalla “Sapienza personificata”: è Gesù adesso che noi siamo chiamati a seguire per giungere alla Pienezza della vita.
Ma a queste parole egli si fece scuro in volto e se ne andò rattristato; possedeva infatti molti beni. È il triste esito di quest’incontro: il Tale “possedeva molti beni”, o meglio era posseduto da molti beni, quindi, pur con la morte nel cuore, torna alla misera vita di prima.

Oggi noi siamo invitati a non fare la stessa scelta. Anche noi, infatti, che ne siamo consapevoli o meno, come il tale del Vangelo, abbiamo bisogno di sperare e di allargare i nostri orizzonti di speranza: anche noi aneliamo alla Vita Eterna. Troppo spesso soffochiamo il bisogno di Vita accumulando beni che, in fin dei conti, non sono capaci di soddisfare le nostre attese (tanto che non ci bastano mai). Anche a noi il Maestro chiede di abbandonare le nostre fallaci sicurezze per abbandonarci al Suo Amore e metterci alla Sua sequela, divenendo Suoi discepoli e lasciandoci guidare la Lui. Se sceglieremo di rispondere alla Sua chiamata, sperimenteremo anche noi quel centuplo che il Maestro promette, insieme all’incomprensione da parte del mondo, a coloro che lo seguono.
Fr. Marco